Adowp

Adowp

Tubo scarico lavandino misure

Posted on Author Zolorr Posted in Ufficio

  1. Sifoni e pilette
  2. Scegliere il materiale e chiudere l'alimentazione idrica
  3. Come predisporre gli impianti della cucina

La risposta è 50 cm centro. Compra Tubo di Scarico per il Lavandino - Sifone a Tubo Flessibile in PVC per L'ho utilizzato per il lavabo del bagno, le misure sono quelle standard, quindi. Montare i sanitari non è un lavoro molto complicato, la cosa più difficile è posizionare i tubi dell'acqua e lo scarico in modo corretto. Le misure. "Impianto di carico e scarico delle acque" (disponibile CLICCANDO QUI);; "​Tipologie di tubi idraulici e giunzioni" (disponibile CLICCANDO QUI). Lavello di cucina.

Nome: tubo scarico lavandino misure
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. Windows XP/7/10. iOS. MacOS.
Licenza: Solo per uso personale
Dimensione del file: 68.24 MB

Come predisporre gli impianti della cucina 17 Dicembre In questo articolo vi spiego come predisporre gli impianti della cucina, distinguendo il caso in cui sono già esistenti da quello in cui sono da realizzare.

Impianti della cucina: modello Viola di Mondo Convenienza Arredamento e impianti della cucina Acquistare i mobili per arredare una cucina è impresa più ardua rispetto a quanto accade per le altre stanze della casa. Infatti, in questo locale bisogna fare i conti con la presenza degli impianti, che possono essere già esistenti o da realizzare.

Nel secondo caso il compito è più semplice, perché si potranno progettare in modo che calzino a pennello per la composizione che si desidera acquistare. Ma se sono già esistenti, la cucina sarà almeno in parte vincolata e dovrà essere progettata rispettando la loro posizione. La posizione ideale per collocare il lavello è quella in cui tali condotti si trovino in mezzeria rispetto alla sua base.

La normativa per un impianto di tipo residenziale prevede una dotazione minima di 5 punti presa e 1 punto luce.

In questo caso, le tubazioni provenienti da due delle vasche si uniscono in un tratto orizzontale.

Sifoni e pilette

Continua la lettura 58 Posizionare le guarnizioni e la ghiera Adesso si possono posizionare le guarnizioni e la ghiera. Le guarnizioni a corredo della piletta vanno posizionate con estrema attenzione e preferibilmente inumidite con del grasso di vaselina oppure con uno spray al silicone.

La ghiera di fissaggio non andrà mai chiusa in maniera esagerata, allo scopo di evitare di provocare delle deformazioni alla guarnizione e consentire la riduzione delle perdite durante l'utilizzo.

Per fissare il bocchettone della piletta e chiudere senza problematiche il dado collocato sulla parte inferiore, si dovrà adoperare sempre una chiave a rullino ed una pinza a pappagallo.

Scegliere il materiale e chiudere l'alimentazione idrica

Nel caso si preveda a montarlo senza la consulenza di un tecnico specializzato, si raccomanda di incollare con appositi adesivi per usi idraulici i due innesti, rispettivamente parete e lavabo.

Non usare collanti che non sono specificatamente adatti a questo uso, rischierete o di incollare storto il tubo perché il collante asciuga troppo rapidamente, o di non poterlo smontare in caso di necessità futura.

Il collante serve solamente per rendere le giunzioni a tenuta stagna. Il sifone Geberit è uno standard diffusissimo tra gli addetti ai lavori.

Come predisporre gli impianti della cucina

Questo sifone è un delle soluzioni più economiche e allo stesso tempo più affidabili che si possano trovare sul mercato. La Geberit è una istituzione nel settore della idraulica, tanto che il suo nome è associato a buona parte dei componenti idraulici che servono per la posa in opera di un impianto idraulico completo in tutte le sue parti.

Ritornando al sifone modello Adattabile sia in altezza che in larghezza. Questo sifone è la soluzione idraulica più usata in assoluto per quanto riguarda gli scarichi del lavabo. Lo scarico dovrà essere al centro dei fori successivi.

Fai uno schizzo per facilitarti il montaggio al muro. Se devi fare dei fori alle piastrelle ti consigliamo di applicare del nastro adesivo di carta in modo da impedire che il trapano scivoli via.

Pratica i fori nei punti segnati utilizzando una punta da trapano per piastrelle. Non utilizzare assolutamente un trapano da percussione.

Dopo avere forato le piastrelle, utilizza un trapano per forare la parete. Fai attenzione a non danneggiare le piastrelle.

Applica in seguito nei fori della parete gli appositi tasselli e controlla la stabilità. Fase 5 - Avvitare le viti prigioniere alla parete Avvita le nuove viti prigioniere con una chiave inglese, un avvitaprigionieri o una pinza nei fori praticati finché la filettatura metrica sporga dal muro.

Fase 6 - Fissare la rubinetteria al lavandino Infila la nuova rubinetteria nei fori del nuovo lavandino e avvita da sotto. Consiglio: inserisci i raccordi prima di procedere al montaggio del lavandino. Importante: non dimenticare di inserire tutte le guarnizioni. Per la rubinetteria osservare le indicazioni del produttore!


simile