Adowp

Adowp

Scaricare terapia anticoagulante tao modena

Posted on Author Faushicage Posted in Ufficio

  1. TERAPIE TAO ON-LINE - PAGINA INIZIALE
  2. Recapiti e contatti
  3. Nasce l’Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena
  4. Terapia Anticoagulante Orale (TAO) - Comune di Modena

Terapie TAO on-line. Scarica la tua terapia. TERAPIA ANTICOAGULANTE ON- LINE - SCARICA LA TUA TERAPIA. Hai dimenticato la password?. Azienda USL di Modena Via S. Giovanni del cantone, 23 Modena Telefono: + adowp.com PEC [email protected] Benvenuti nella sezione dedicata alla TERAPIA ANTICOAUGULANTE ORALE ONLINE (TAO), il servizio dell'Azienda USL che permette ai pazienti seguiti da un . Terapie TAO. Scarica la tua terapia. TERAPIE ANTICOAGULANTI - CAMBIO PASSWORD. Hai deciso di cambiare password, scegline una nuova. La nuova.

Nome: scaricare terapia anticoagulante tao modena
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. iOS. Windows XP/7/10. Android.
Licenza: Solo per uso personale
Dimensione del file: 24.59 Megabytes

Accessibile via web tutti i file della tesi sono accessibili Riassunto analitico Introduzione: L'aspettativa di vita è in costante aumento. Con l'avanzare dell'età aumenta l'incidenza di malattie età-correlate ed aumenta il rischio di deterioramento cognitivo, fragilità e disabilità. Pazienti anziani e fragili affollano gli ambulatori non solo geriatrici.

La Valutazione Multidimensionale si è rivelata il migliore strumento per identificare elementi di fragilità e disabilità ed analizzare i bisogni dell'anziano con un approccio bio-psico-socio-funzionale centrato sulla persona. Obiettivi: Valutare attraverso una Valutazione Multidimensionale la presenza di deterioramento cognitivo, fragilità e disabilità in una popolazione anziana che si approcciava per la prima volta a terapia anticoagulante orale con inibitori della sintesi della vitamina K e valutare come questi elementi possano influire sul mantenimento del Time in Therapeutic Range TTR , un indicatore di qualità per la terapia anticoagulante orale.

A 20 giorni dal terremoto alcuni servizi sono già stati ricollocati nelle loro sedi abituali, mentre altri sono ancora in funzione in strutture provvisorie. I medici di medicina generale e i pediatri Un punto di riferimento per la popolazione del Distretto sono stati, durante le fasi di prima emergenza, i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta, nonostante le gravi difficoltà in cui hanno dovuto operare, a causa dai seri danni subiti dalle strutture ambulatoriali.

Nel distretto di Carpi su 99 ambulatori presenti, ad oggi, 13 sono ancora inagibili. Soltanto in città sono attivi 65 studi di medici di medicina generale. Per informazioni sul proprio Medico di famiglia è possibile chiamare la Cooperativa "Meditem" tel.

TERAPIE TAO ON-LINE - PAGINA INIZIALE

I genitori possono presentarsi direttamente presso l' ambulatorio o telefonare al numero Assistenza sanitaria nei campi del Distretto A Carpi sono presenti 7 campi di accoglienza, per un totale di posti letto disponibili. A questi vanno aggiunti 2 campi di Novi di Modena uno a Rovereto ; 2 punti di accoglienza a Soliera uno presso un albergo della zona e un altro presso la parrocchia di Limidi di Soliera e un altro in un hotel a Campogalliano.

Gli operatori sanitari che lavorano in questi campi sono attualmente Venti medici e ventisette infermieri, a cui se ne aggiungeranno - nei prossimi giorni - altri Assistenza residenziale Le attività di ricollocazione dei pazienti dalle strutture sanitarie evacuate sul territorio strutture protette, Residenze sanitarie assistenziali a seguito del terremoto hanno riguardato complessivamente oltre assistiti.

I Servizi per la Salute Mentale Adulti svolgono già le proprie attività ambulatoriali ordinarie, in urgenza e su richiesta. La dose deve essere adeguatamente ridotta nei soggetti con pesoinferiore a 50 kg. Bambini: la sicurezza e l'efficacia nei bambini none' stata stabilita. L'uso del farmaco e' pertanto controindicato al di sotto di 16 anni.

Somministrazione endovenosa: l'uso endovenoso del preparato e' riservato agli ospedali e alle case di cura. Adulti: in situazioni caratterizzate da dolore acuto intenso come ad esempio nella terapia d'attacco del dolore post-operatorio e' consigliata una dose iniziale di 10 mg, seguita da dosi di mg che possono essere ripetute, in caso di necessita', dopo ore, utilizzando la dose minima efficace. Se necessario il trattamento puo' proseguire ad intervallimaggiori; non deve comunque essere superata la dose giornaliera di 90mg.

Coliche renali: la posologia consigliata e' una fiala da 30 mg per somministrazione intramuscolare o endovenosa. Compresse: non conservare a temperatura superiore ai 30 gradi C. Non va utilizzato nel trattamento del dolore lieve o di tipo cronico. Evitare l'uso concomitante del farmaco con altri FANS.

Gli effetti indesiderati possono essere minimizzati con l'uso della piu' bassa dose efficace per la piu' breve durata possibile di trattamento che occorre per controllare i sintomi.

Prima di iniziare la terapia accertarsi che il paziente non abbia avuto in precedenza reazioni di ipersensibilita' verso il ketorolac. L'uso del farmaco, e' sconsigliato nelle donne cheintendano iniziare una gravidanza.

Recapiti e contatti

La somministrazione dovrebbe essere sospesa nelle donne che hanno problemi di fertilita' o che sono sottoposte a indagini sulla fertilita'. Anziani: occorre cautela, poiche' l'incidenza di alcuni degli effetti indesiderati puo' essere piu' altarispetto ai pazienti piu' giovani.

I pazienti anziani hanno una frequenza aumentata di reazioni avverse ai FANS, specialmente emorragie e perforazioni gastrointestinali, che possono essere fatali. Nei soggettianziani inoltre si puo' verificare un aumento dell'emivita di eliminazione del farmaco e una contemporanea riduzione della clearance.

Nasce l’Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena

Pertanto, oltre ad una riduzione della dose complessiva, puo' essere opportuno un piu' lungo intervallo tra le dosi. Effetti gastrointestinali: irritazione gastrointestinale, ulcera e sanguinamento in pazienti con osenza pregressa storia di patologia gastrointestinale. Pazienti con affezioni infiammatorie del tratto gastrointestinale, in atto o pregresse, dovrebbero effettuare il trattamento solo sotto stretto controllo medico. L'incidenza di questi effetti aumenta con la dose e la durata del trattamento.

Non usare contemporaneamente il medicinale ed altri farmaci antinfiammatori non steroidei. Emorragia gastrointestinale, ulcerazione e perforazione: sono state riportate in qualsiasi momento, e possono essere fatali.

Neglianziani, il rischio di emorragia gastrointestinale, ulcerazione o perforazione e' piu' alto con dosi aumentate di FANS. Questi pazienti devono iniziare il trattamento con la piu' bassa dose disponibile.

L'uso concomitante di agenti protettori deve essere considerato per questi pazienti e anche per pazienti che assumono basse dosi di aspirina o altri farmaci che possono aumentare il rischio di eventi gastrointestinali. Pazienti con storia di tossicita' gastrointestinale, devono riferire qualsiasi sintomo addominale in particolare nelle fasi iniziali del trattamento.

Cautela deve essere prestata ai pazienti che assumono farmaci concomitanti che potrebbero aumentare il rischio di ulcerazione oemorragia. Quando si verifica emorragia o ulcerazione gastrointestinale il trattamento deve essere sospeso.

I FANS devono essere somministrati con cautela nei pazienti con una storia di malattia gastrointestinale perche' tali condizioni possono essere esacerbate. Effetti respiratori: per l'interazione con il metabolismo dell'acido arachidonico, ilfarmaco puo' determinare, negli asmatici e nei soggetti predisposti, crisi di broncospasmo ed eventualmente altri fenomeni pseudo-allergicio shock.

Sebbene ketorolac non abbia dimostrato di aumentare gli eventi trombotici come l'infarto del miocardio, non sono disponibili dati sufficienti per escludere tale rischio con ketorolac. Effetti renali: il medicinale al pari di altri farmaci antinfiammatori non steroidei FANS , inibisce la sintesi delle prostaglandine, potendo causare nefrotossicita', incluse glomerulonefriti, nefriti interstiziali, necrosi papillare, sindrome nefrosica e insufficienza renale acuta.

Pertanto il farmaco, richiede particolari precauzioni o se ne impone l'esclusione dall'uso allorche' nel paziente siano presenti le seguenti condizioni: stati di ipoperfusione del rene, malattie renali, cirrosi epatica o epatiti gravi. Pazienti con funzione renale compromessa: poiche' il farmaco e i suoi metaboliti sono escreti principalmente dal rene, usare cautela durante il trattamento. Il farmaco e' controindicato in terapia diuretica intensiva.

Ritenzione idrica e edema: il farmaco dovrebbe essere somministrato con cautela in pazienti con scompenso cardiaco, ipertensione e patologie simili.

Pazienti con funzione epatica compromessa: durante il trattamento sono state raramente notate lievi variazioni dei test di funzioneepatica, comunque senza rilevanza clinica. Si consiglia tuttavia di monitorare la funzione epatica in pazienti nei quali questa era precedentemente compromessa, e di sospendere il trattamento qualora si manifestassero evidenze di grave compromissione epatica.

Effetti ematologici: il farmaco inibisce la funzionalita' piastrinica e potrebbe prolungare il tempo di sanguinamento. Il farmaco non deve essere somministratoa pazienti con disordini della coagulazione o a pazienti in trattamento con farmaci che interferiscono con l'emostasi, ivi compresa l'eparina a basse dosi U.

Nell'esperienza post-marketing, sono stati riportati ematomi post-operatori e altri segni di sanguinamento delle ferite in associazione all'uso peri-operatorio della soluzione iniettabile.

Considerare il potenziale rischio di sanguinamento quando l'emostasi e' critica.

Effetti cutanei: gravi reazioni cutanee alcune delle quali fatali, sono state riportate molto raramente in associazione con l'uso dei FANS. Nelle primefasi della terapia i pazienti sembrano essere a piu' alto rischio: l'insorgenza della reazione si verifica nella maggior parte dei casi entro il primo mese di trattamento. Interrompere il farmaco alla prima comparsa di rash cutaneo, lesioni della mucosa o qualsiasi altro segno di ipersensibilita'. Le iniezioni devono essere eseguite secondo rigorose norme di sterilizzazione, asepsi ed antisepsi.

Terapia Anticoagulante Orale (TAO) - Comune di Modena

Le compresse rivestite con film contengono lattosio. Corticosteroidi: aumento del rischiodi ulcerazione gastrointestinale o sanguinamento. Agenti antiaggreganti e inibitori selettivi del reuptake della serotonina SSRIs : aumento del rischio di emorragia gastrointestinale.

Anticoagulanti: i FANS possono amplificare gli effetti degli anticoagulanti, come warfarin. Ilfarmaco inibisce l'aggregazione piastrinica, riduce le concentrazionidi trombossano e prolunga il tempo di sanguinamento.

A differenza dell'aspirina, i cui effetti sono prolungati, la funzione piastrinica ritorna alla normalita' entro ore dopo l'interruzione del trattamento. In vitro il farmaco determina una riduzione trascurabile del legame di warfarina con le proteine plasmatiche.

La somministrazione contemporanea del farmaco con metotressato o con litio deve essere attuata con cautela, in quanto puo' verificarsi una diminuzione della clearancedi questi ultimi, con conseguente aumento della loro tossicita'.


simile