Adowp

Adowp

Caldaia a camera stagna scarico fumi

Posted on Author Mausida Posted in Internet

Questo tipo di generatore di calore è comunemente detto “caldaia a camera stagna”: il prelievo dell'aria comburente e lo scarico dei fumi. canne fumarie o altri sistemi di evacuazione dei fumi con sbocco sopra il tetto dell'edificio. Scarico a parete solo in sostituzione con caldaie a condensazione o Offerta caldaia Vaillant turboBLOCK Plus VM IT / a camera stagna. Mentre, i fumi di scarico vengono evacuati all'esterno tramite la canna fumaria;; caldaie a camera stagna, nelle quali tutto il circuito di. Caldaia a camera stagna in canna fumaria collettiva ramificata può essere sostituita con: caldaia a condensazione (con scarico a parete.

Nome: caldaia a camera stagna scarico fumi
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
Licenza: Solo per uso personale
Dimensione del file: 22.83 MB

Tweet Condividi Sto ristrutturando un appartamento, dotato di una caldaia a camera aperta, a tiraggio naturale, che scarica in una canna fumaria collettiva ramificata condominiale.

Vorrei sostituire il generatore, ma mi è stato detto che le nuove tecnologie sul mercato non sono adattabili a questo tipo di scarico dei fumi. Come posso procedere? Esiste qualche deroga particolare, vista la situazione?

L'ultima modifica risale al Dlgs 4 luglio , n. A partire, proprio, da quelle per la sostituzione di generatori al servizio di impianti vecchi, collegati a una canna fumaria collettiva ramificata condominiale.

Partiamo proprio dal caso sottoposto dal quesito.

La grande differenza sta più che altro nel livello di avanzamento tecnologico che conduce i due sistemi ad agire in modo del tutto differente. Sono più difficili o facili da installare? Le opinioni di molti, anche su alcuni blog o forum specializzati, sono il più delle volte disparate.

Come funziona una caldaia a camera stagna? Dove i fumi di scarto vengono effettivamente scaricati? Innanzitutto è importante specificare quali sono le componenti principali ovvero: il bruciatore, lo scambiatore di calore la regolazione.

In relazione:SCARICO DEI FUMI

In una caldaia a camera stagna, come già detto in precedenza, l'aria viene recuperata dall'esterno. Come pulire per tenerla efficiente? Importante è sapere che, oltre alla manutenzione, è opportuno anche che venga regolarmente svolta anche una pulizia annuale.

Molti si chiedono, quando parlano di una caldaia, che cosa significhi stagna. Perché sostituire una vecchia caldaia?

Che tipo di problemi potrebbe generare? Per saperlo con precisione e sapersi regolare in base al proprio caso personale è opportuno chiamare SIMA o comunque la casa madre, che produce la caldaia che avete intenzione di comprare.

La risposta è affermativa in quanto lo scopo del conto Termico è quello di incentivare interventi per l'incremento dell'efficienza energetica e in questo caso parliamo proprio di una caldaia ecologica. Di che cosa si tratta? Con questa nuova modifica legislativa non c'è più nessun obbligo di canna fumaria al tetto in caso di istallazione di caldaie a condensazione a gas con efficienza 4 stelle e certificate con classe NOx 5.

Gli impianti termici siti negli edifici costituiti da più unità immobiliari devono essere collegati ad appositi camini, canne fumarie o sistemi di evacuazione dei prodotti di combustione, con sbocco sopra il tetto dell'edificio alla quota prescritta dalla regolamentazione tecnica vigente, fatto salvo quanto previsto dal periodo seguente.

Tradotto in parole semplici significa che a partire dal 17 dicembre , giorno di approvazione definitiva del decreto, ogni qual volta si installa una nuova caldaia, sia come primo impianto, sia come sostituzione, non si ha l'obbligo di avere o realizzare la canna fumaria fin sopra il colmo del tetto, solo se si utilizza una caldaia a condensazione con le caratteristiche accessorie richieste dalla legge.

La nuova regola vale in tutti i casi: la semplice sostituzione della vecchia caldaia, la realizzazione di nuovo impianto in un'abitazione precedentemente sprovvista, in caso di distacco della singola utenza dal sistema centralizzato, di trasformazioni dal centralizzato all'autonomo parziale o totale del condominio, ristrutturazioni della totalità dell'impianto termico della singola unità immobiliare o della totalità del condominio, ecc.

Nel nuovo testo di legge non si ritrova più la possibilità delle disposizioni legislative locali più severe e restrittive, per cui la norma dovrà essere attuata nello stesso modo e senza eccezioni su tutto il territorio nazionale.


simile